Feste Natalizie: le più belle sale da pranzo milanesi per ospitare parenti e amici 

Sedie imbottite, tavoli allungabili, tappeti dai toni scuri, ma anche opere d’arte alle pareti e vinili d’epoca per rendere l’atmosfera della sala da pranzo conviviale e sofisticata 

Il Natale si avvicina e le residenze milanesi si preparano ad aprire le porte ad amici e parenti per pranzi e cene all’insegna della convivialità. La sala da pranzo diventa il centro della casa, attorno alla quale gravitano leccornie di ogni tipo, chiacchiere e scambi di regali. Che sia una vera e propria stanza dedicata oppure che faccia parte di un living o di una cucina a vista, tutto deve risuonare a festa. 

Nella sua semplicità in cui gli elementi fondamentali di arredo sono solitamente il tavolo, le sedie e qualche suppellettile, anche la sala da pranzo deve rispettare alcuni accorgimenti in termini di disposizione. Quali sono? A rivelarlo sono Sara Lini e Adriano Frigoli, co-founder di Nativo (https://www.nativostay.com/it/) – società di gestione di affitti temporanei di immobili di lusso a Milano – che hanno individuato e studiato gli aspetti più importanti a cui prestare attenzione per accogliere gli ospiti in occasione delle feste.

La posizione migliore per collocare il tavolo è vicino una fonte luminosa naturale oppure, se questa è assente, meglio utilizzare una luce artificiale dal tono caldo. Si può optare per un lampadario a sospensione direttamente sopra al tavolo che genera un effetto scenico, oppure luci indirette laterali come lampade da terra, per ottenere un’atmosfera più soffusa. Anche le sedie devono essere scelte e posizionate con cura considerando il giusto bilanciamento tra comodità e aspetto estetico: le imbottiture sono perfette per trascorrere molto tempo seduti come nel caso di pranzi e cene natalizi, ma non bisogna però dimenticare le giuste proporzioni. Una sedia può essere considerata comoda non solo se è arricchita da imbottiture, ma bisogna calcolare che la sua posizione non coincida con le gambe del tavolo e che l’altezza della seduta sia congrua all’altezza del tavolo stesso per non intralciare il movimento della gambe. Anche i tappeti giocano un ruolo importante nell’arredamento di una sala da pranzo rendendo l’ambiente accogliente, ma attenzione se decidete di utilizzare colori chiari perché le macchie di cibo e vino sono sempre in agguato”.  

Inoltre, per rendere l’ambiente più sofisticato e adatto anche a trascorrere del tempo in compagnia, si possono aggiungere opere d’arte alle pareti e un impianto stereo di design oppure d’epoca, magari accompagnato da una ricercata collezione di vinili. Anche il necessario per imbandire la tavola, se scelto correttamente in base allo stile della casa,  funge da elemento di arredo: tovaglia e tovaglioli in tessuto, stoviglie e centrotavola ricercati e di design arricchiscono e completano l’ambiente, soprattutto durante il periodo natalizio. 

Questi accorgimenti e dettagli che rendono speciali e permettono di trasmettere perfettamente la convivialità caratteristica del periodo natalizio, sono stati individuati da Nativo in 7 eleganti sale da pranzo milanesi di alcune delle residenze disponibili in portfolio. 

A cena sui Navigli

The Classic, residenza raffinata e accogliente, offre ai suoi ospiti l’esperienza di immergersi nella Vecchia Milano. Situato nella cornice storica dei Navigli, è un luogo per gli amanti del design e nella sala da pranzo i commensali possono apprezzare, oltre al pavimento originale in cotto striato e i soffitti in legno, anche pezzi iconici d’autore come lampade Flos, Le Corbusier e Tooy, poltrone vintage Lady Zanuso e la cucina Dada.

Eleganza d’altri tempi

In The Flemish, appartamento situato nello storico quartiere 5 vie, viene interpretata la classica concezione di sala da pranzo: un ambiente elegante, sofisticato e dall’aria aristocratica, dove al centro della stanza, sul pavimento originale in legno, viene posto un grande tavolo rettangolare contornato da antiche sedie foderate in seta e paglia di Vienna. Il tavolo è inondato di luce: da un lato luce naturale che proviene dalle due finestre e dall’altro lampade da terra Tansini, che rendono l’atmosfera serale accogliente.

Sala da pranzo razionalista

Con The Groovy ci si tuffa nell’architettura post guerra tanto amata dalla borghesia milanese: una sala da pranzo dalle tonalità chiare e calde sui toni del color crema, dove si inseriscono elementi dal design minimalista come sedie e faretti in acciaio che illuminano in modo scenico il lungo tavolo. Una futuristica struttura di vetro separa la continuità della moquette che unisce la sala da pranzo e la zona living.

Natale in stile scandinavo 

Tra le vie in fermentazione attorno a Fondazione Prada, si nasconde The Escapist, uno spazio di 250 mq dal design funzionale e moderno. Il lungo tavolo in legno naturale, le poltroncine e le lampade a sospensione, completano l’ambiente in perfetto stile scandinavo. Durante il periodo invernale, la luce dei candelabri e l’affaccio sul giardino privato coperto magari da qualche fiocco di neve, creano un’atmosfera suggestiva che trasmette la magia del Natale. 

A pranzo con l’artista

Varcando la soglia di The Gallerist, proprietà che si trova a pochi metri dal Castello Sforzesco, ci si immerge in un’atmosfera eclettica e ricca di icone senza tempo del design moderno. La sala da pranzo e il living sono un ambiente unico, dalle sfumature quasi oniriche e impreziosito da opere originali di Warhol e da pezzi di design come il cactus di Gufram e la Driade di Nemo. Il tavolo, arredato con originali sedie in cavallino, è illuminato dalla lampada da terra ARCO di Flos.

La tavola per gli amanti del design

A due passi dall’Arco della Pace, al quinto piano di un palazzo storico, si trova The Platonic, uno spazio luminoso e arricchito da materiali pregiati come il marmo, il seminato bianco veneziano e l’ottone. Nella zona giorno, tra la cucina a vista ed il salone, si percepisce immediatamente la sofisticatezza dell’ambiente: lo scenico tavolo B&B Italia modello Oskar contornato dalle poltroncine softshell di Vitra e la lampada a sospensione di Gallotti e Radice, sono la perfetta definizione di eleganza ricercata.

Pranzo avveniristico 

Gli ospiti di The Vague, entrando nell’appartamento dal design accogliente situato nella visionaria e avveniristica zona di Porta Nuova, percepiscono sin da subito lo stile armonioso e raffinato della zona pranzo aperta sulla cucina e sul salotto. Sul parquet a spiga sono disposti tavolo e sedie degli anni ‘50, tappeto nomade vintage, lampade Flos Taccia e alle pareti opere d’arte contemporanee. 

A proposito di Nativo

Nativo è una società di gestione di immobili di lusso a Milano nata nel 2020 dall’idea di Sara Lini e Adriano Frigoli. La società gestisce un pacchetto circa 30 proprietà e offre ai proprietari la possibilità di massimizzare il rendimento dei loro appartamenti occupandosi interamente della gestione dell’immobile attraverso affitti mensili, offrendo servizi premium agli ospiti per valorizzare dell’appartamento e attrarre i migliori inquilini.

www.nativostay.com